Carne da accarezzare


villa gallipoli

 

Alcuni temporali

passano silenziosi,

ristagnano qui,

lividi e ingordi.

Portano via i bambini dal bagnasciuga

e adesso,

sono già altrove.

Alcuni temporali

passano così,

mentre corri a cercare riparo.

Passano così,

senza sciacquare la salsedine dalle spalle,

la sabbia dalle ginocchia.

Temporali che sfilano muti

senza neppure sfiorare l’asfalto.

Annunci

4 comments

  1. Simone che scrive su "purtroppo" · settembre 9, 2013

    Brava. Io (antipatico che sono) userei queste riflessioni liriche come un ponte. Ci sono questi temporali, sono fatti così (perfetta). Sono come certi incontri/ certe giornate/ certi anni che sembrano voler cambiare tutto e che lasciano tutto uguale…
    Scusa.

    • silviazordan · settembre 9, 2013

      Tu (antipatico che sei) mi hai appena spiegato il significato delle mie parole. Erano uscite di getto senza un (apparente) senso. E ora, questo senso, glielo hai dato tu: “certi incontri, certe giornate, certi anni che sembrano voler cambiare tutto e che lasciano tutto uguale…”.

      Grazie, il tuo passaggio qui è sempre molto gradito.
      A presto.
      S.

  2. quellochenonhodetto · settembre 9, 2013

    Io la lascerei così, sospesa. Mi piace tanto.

    • silviazordan · settembre 10, 2013

      Rimarrà sospesa. Come rimangono sospese certe parentesi della nostra vita, certi acquazzoni che se si fossero rovesciati sull’asfalto forse avrebbero lavato via tutto. O forse niente.

      Grazie molte, buona giornata.
      S.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...