senza più spine

Laura Makabresku

 

 

Rose galleggiavano sui suoi fianchi

acqua lungo le spalle,

dentro i capelli.

 

Labbra baciavano i suoi occhi

mani bagnavano quel viso.

 

E di nuovo rose annegavano sotto i suoi passi

e baci fiorivano sopra la pelle.

Annunci

due volte niente.

Aggràppati ancora.

C’è un’altra giornata di sole da non perdere, da vivere sospesi.

Senza pensare a fermarci.

Senza fermarci a pensare.

 

Un’altra primavera fragile

Foto di Walter Valentini

Foto di Walter Valentini

 

Tutto l’inverno senza difese

senza speranze le tue braccia,

protese.

 

Foto di Davide Polato

Foto di Davide Polato

Questo inverno cosa porterà?
Un’altra primavera fragile che non sa come fiorire ancora.

(Respiro, Le Vibrazioni)

 

 

Fuori dalla portata della nostra presenza

 

La stazione

Il mio arrivo nella città di N.

è avvenuto puntualmente.

Eri stato avvertito
con una lettera non spedita.

Hai fatto in tempo a non venire
all’ora prevista.

Il treno è arrivato sul terzo binario.
E’ scesa molta gente.

L’assenza della mia persona
si avviava verso l’uscita tra la folla.

Alcune donne mi hanno sostituito
frettolosamente
in quella fretta.

A una è corso incontro
qualcuno che non conoscevo,
ma lei lo ha riconosciuto
immediatamente.

Si sono scambiati
un bacio non nostro,
intanto si è perduta
una valigia non mia.

La stazione della città di N.
ha superato bene la prova
di esistenza oggettiva.

L’insieme restava al suo posto.
I particolari si muovevano
sui binari designati.

E’ avvenuto perfino
l’incontro fissato.

Fuori dalla portata
della nostra presenza.

Nel paradiso perduto
della probabilità.

Altrove.
Altrove.
Come risuonano queste piccole parole

Wislawa Szymborska

Con tanti nodi

Assediami.
Non abbassare le difese.
So tradire, correre dal nemico e portare la distruzione alle porte del tuo cuore.

Ho un cuore spietato sotto questa pelle incerta.
Un cuore estremo nell’amore e nell’abbandono.
Non lasciarmi spazio, tempo, aria. Non lasciarmi muovere.
Dissimula te stesso e rimani ancora qui. Il vapore sfuggito alle tue labbra, ai tuoi denti, mi ha intriso il cuore, il sangue, la pelle.

Legami i polsi contro i tuoi.
Rimani ancora qui. Baciami gli occhi, fissami nelle labbra. Non spostarmi i capelli, non ascoltare il ticchettio di questo ordigno.

di Martina Macci

Ho ancora le ali

 

Si dice che la poesia

manchi di vero slancio,

che non sappia più volare

poiché non più sorretta

dai grandi angeli alati.

Che farci? E’ un mondo

di poeti atei che volano

preferibilmente in aereo.

 

“Poesia”, Casa di Rieducazione

Valentino Zeichen

in risalto sul mondo (Metereopatia)

Sarà che il cielo è pieno di risorse

ma sono secoli che piove su di me

Il sole si è nascosto bene fra le righe

o forse è solamente fuori per un altro caffè

 

E non capisco il meteo da che parte sta

se il colonnello lancia la pubblicità

arriva un altro temporale

e io cambio canale

e arriva un altro giorno grigio

con il suo accordo minore

 

Voglio fare la nuvola

c’è chi non se la sente

di essere determinante

Fammi fare la nuvola

in risalto sul mondo

fare quello che sento

 

Sarà che il cielo è pieno di risorse

ma io mi sento un po’ polemico

paradossale il modo in cui vedo tutto quel blu

sembra che non gli vada bene

se parlo di cose più grandi di me

 

E non capisco il meteo da che parte sta

se il colonnello lancia la pubblicità

arriva un altro temporale

e io cambio canale

e arriva un altro giorno grigio

con il suo accordo minore

 

Voglio fare la nuvola

c’è chi non se la sente

di essere determinante

Fammi fare la nuvola

in risalto sul mondo

fare quello che sento

 

Yeah

 

Voglio fare la nuvola

c’è chi non se la sente

di essere determinante

Fammi fare la nuvola

in risalto sul mondo

fare quello che sento

Yeah

Trasportato dal vento

 

Sarà che il cielo è pieno di risorse

ma sono secoli che piove su di me

Il sole si è nascosto bene fra le righe

o forse è solamente fuori per un altro caffè

 

non ci sono proprio portato a prendere le cose al volo

Stanotte non ho dormito, mi sento rincoglionito.
Potrei parlare di lei. Anzi, eviterei.
Qualcun altro le darà ciò che vuole, mentre io sarò altrove.
Tipe tipiche che mi fanno sorridere,  basta un tatuaggio per sentirsi libere.
Troveranno porte chiuse se vorranno tornare, un boomerang ritorna solo se lo sai lanciare.

cit.

Don’t follow your dreams, chase them

Vi voglio rendere partecipi di una piccola scoperta artistica.

Amo la creatività e il colore, stimo la sensibilità e le doti delle personalità estrose.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

http://mathiole.tumblr.com/